FAQ

Quando fare un controllo visivo?

Il controllo visivo deve rientrare nelle visite di routine, affinché ci si possa accorgere di un eventuale cambiamento, peggioramento della vista. Solitamente tale routine inizia da bambini con i primi giorni di scuola, in modo da recuperare (se presente) un difetto visivo o uno strabismo in maniera più semplice in futuro. Se in età scolare l’individuo non ha mostrato difetti visivi, è sufficiente effettuare un controllo ogni 4 anni. Per chi, invece, possiede delle lenti correttive, tale visita andrebbe fatta ogni anno o massimo ogni due. Ovviamente con l’avanzare dell’età queste visite devono diventare sempre più frequenti, poiché l’uomo è più soggetto alla deterioramento dell’organo visivo.


Solitamente si avverte la necessità di effettuare un controllo quando si presentano diversi fastidi:
  • Se gli occhi diventano rossi, si seccano, provocano prurito o inizi a vedere macchie nel campo visivo
  • Se soffrite di diabete o nella storia della vostra famiglia sono presenti casi di glaucoma o altre malattie legate alla vista
  • Difficoltà a guidare di notte
  • Mal di testa e / o visione offuscata dopo aver lavorato a lungo davanti ad uno schermo
  • Se devi modificare le distanze a cui tieni gli oggetti
  • Se hai avuto qualche trauma cranico e noti un cambiamento della vista
Cos’è l’astigmatismo, i rimedi e le sue cure
L'astigmatismo è un problema abbastanza comune tra le persone. Si verifica quando la cornea presenta una forma irregolare (ovalizzata), assomigliando più ad una palla da rugby che ad un pallone da calcio. Questa forma ovalizzata della cornea crea un’immagine sdoppiata sulla retina. I sintomi sono una visione sfocata della realtà, mal di testa, senso di pesantezza, dolori e bruciori oculari. Può essere corretto grazie a degli occhiali o delle lenti a contatto.
Cos’è la miopia?
La miopia, così come l’astigmatismo, è un problema facilmente riscontrabile nelle persone. Si tratta di un allungamento della parte posteriore dell’occhio che non consente alla luce di venire rifratta in maniera corretta e in un solo punto. Le cause sono non sono ancora chiare del tutto, ma sembra che i figli di persone miopi abbiano più facilità di soffrire di miopia. Un’altra causa risulta essere il fatto di lavorare per troppo tempo ad una distanza ravvicinata. Il suo sintomo principale è il fatto che si vede bene da vicino, ma non da lontano.
Oltre alla semplice miopia esiste anche una miopia più grave, che è quella degenerativa. Consiste in un continuo allungamento della parte posteriore dell’occhio, innalzando il rischio di avere un distacco della retina, di un glaucoma o di altre complicazioni. È possibile correggerla attraverso delle lenti per occhiali o a contatto capaci di focalizzare la luce sulla retina e non prima di essa. Si può ricorrere anche all’intervento laser, rimodellando la cornea.
Se vuoi approfondire l’argomento visita la sezione dedicata alla miopia sul nostro blog!
Cos’è l’ipovisione?
È la perdita permanente della gran parte della vista con un visus residuo intorno ad 1/10 o anche inferiore. Purtroppo non può essere né curata né corretta, ma si può massimizzare la visione rimanente attraverso occhiali speciali o delle lenti di ingrandimento. Esistono anche rimedi non ottici per aumentare la visione, come per esempio libri, orologi, cellulari che sono stati creati con caratteri più grandi.
Le cause possono essere le solite riscontrabili anche in altri disturbi: glaucoma, degenerazione maculare, cataratta, diabete e molto altro. Può esserci una perdita di visione centrale o periferica, oppure una visione offuscata, anche durante la notte.
Cosa sono le lenti progressive?
Sono delle lenti che correggono più difetti visivi associati alla presbiopia, in quanto sono divise in 3 zone principali: superiore, centrale e inferiore. La parte superiore serve per una visione da lontano, la parte centrale serve per le distanze intermedie (60-80 cm) e la parte inferiore consente la visione degli oggetti vicini. È un’ottima soluzione al fastidio arrecato dai continui cambi di occhiali. Chi sceglie questo tipo di lenti, all’inizio potrebbe avere dei piccoli fastidi nel metabolizzare questo nuovo modo di vedere, ma con qualche ora, massimo qualche giorno, potrà apprezzare la grande comodità di queste lenti.
Cos’è l’aberrometria?
L’aberrometria è un esame visivo per individuare possibili imperfezioni che ostacolano la messa a fuoco dell’occhio. Le cause sono molteplici, normalmente derivano da un’anomalia della cornea o del cristallino. Queste imperfezioni possono essere corrette con un occhiale, lenti a contatto o chirurgia.
Quale manutenzione devono avere le lenti?
La manutenzione delle lenti dipende dal tipo di lente: a contatto o da montare negli occhiali.
Per quello che riguarda le lenti per occhiali, basta pulirle con appositi panni e liquidi, che vi verranno dati al momento dell’acquisto. Soprattutto è consigliabile riporre gli occhiali nella custodia, affinché non si graffino le lenti.
Per quello che riguarda le lenti a contatto, il discorso è un pò diverso. Innanzitutto bisogna sapere se la lente è morbida o rigida. Se è morbida bisogna fare più attenzione nel pulirle, perchè raccolgono più polvere e corpi estranei rispetto a quella rigida. Infatti questo tipo di lenti, vanno immerse in una soluzione disinfettante fatta appositamente per loro.
Quelle rigide, invece, raccolgono meno sostanze, quindi sono più semplici da igienizzare.
Ricordati sempre di pulirti le mani prima di toccare le lenti e di utilizzare il portalenti.
Perchè gli occhiali falsi fanno male?
Le persone che acquistano occhiali nei bazar o al mercato per non dire in spiaggia, spesso lo fanno per una questione di moda e non per protezione. Se lo facessero per protezione, probabilmente saprebbero che questo tipo di occhiali sono da evitare assolutamente, perchè non hanno lenti omologate a norma di legge, infatti non possiedono la certificazione di qualità. Sono occhiali altamente dannosi per la salute dei tuoi occhi, perché non filtrano i raggi dannosi. I danni, come cataratta, glaucoma e molto altro, non sono visibili nel breve termine, ma sono progressivi, il che significa che verranno fuori con il passare del tempo.
Quando compri occhiali “giocattolo” ricordati di chiedere le informazioni circa il grado di protezione, il tipo di lente, il grado di refrazione, in altre parole una sorta di manuale di istruzioni. Ovviamente queste informazioni non sono accessibili ai venditori dei suddetti occhiali, per questo dovete recarvi sempre in un’ottica. Solo gli esperti riusciranno a guidarti nella scelta più adatta a te.
Cos’è l’ortocheratologia?
È una tecnica che consente di ridurre la miopia attraverso l’uso di lenti a contatto rigide gas permeabili da usare durante la notte. In poche parole ci si cura mentre si dorme. Queste lenti devono essere rimosse la mattina quando ci si alza. Durante la notte avviene un rimodellamento corneale che permette di vedere in maniera migliore durante il giorno. C’è da dire però che questa metodologia correttiva non è permanente, ciò significa che quando si interrompe questo trattamento, la cornea torna allo stato originario e riappare la miopia. Si possono ridurre fino ad un massimo di sei diottrie di miopia e non hanno complicazioni cliniche riscontrate.
Cosa sono le lenti polarizzate?
Le lenti polarizzate, sono dei filtri ottici che vengono applicati alle lenti degli occhiali da sole. Negli ultimi periodi stanno crescendo costantemente in termini di vendita, perché eliminano i fastidi dovuti alla troppa luce che abbaglia e rende i colori diversi da come sono realmente.
Queste lenti permettono quindi una visione nitida, un minor affaticamento della vista e una protezione dai raggi ultravioletti al 100%.
Cos'è il cheratocono?
Il cheratocono è una malformazione della cornea, ovvero la cornea si estende verso l’esterno, formando per l’appunto un cono e distorcendo le cose che guardi. Il cheratocono ha diversi sintomi, da quelli più comuni ad altri difetti visivi, come la visione alterata durante la notte o al mal di testa a quelli più complessi come una maggiore sensibilità alla luce e molto altro.
È possibile curarlo attraverso degli occhiali nelle prime fasi e poi con le lenti a contatto nelle fasi più avanzate.Esiste anche un intervento che viene fatto dall’oculista che si chiama cross linking.
Cos’è la presbiopia e come si cura?
La presbiopia è una normale perdita di elasticità nel sistema di messa a fuoco dell’occhio a carico del cristallino. È un problema che si manifesta solitamente dopo i 40 anni e peggiora con il tempo. Diversi sono i sintomi della presbiopia, per esempio difficoltà a leggere caratteri molto piccoli, necessità di allontanare il testo di lettura o l’oggetto che si sta osservando, necessità di illuminare ciò che si sta osservando, necessità di strizzare gli occhi per vedere meglio etc.
Non è una malattia, ma necessita comunque di controlli da parte di esperti. Se vuoi saperne di più, leggi gli articoli del nostro blog.
È possibile effettuare un esame della vista in negozio?
È possibile prenotare un esame optometrico nel nostro Istituto ottico. Marco Ciaroni, ottico optometrista, si occuperà di effettuare personalmente un esame della vista e vi ascolterà attentamente prima di consigliarvi la soluzione più adatta!
Vuoi provare di persona la nostra professionalità? Prenota un esame della vista gratuito in negozio!

Ti aspettiamo in negozio per conoscerti di persona

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Leggi l'informativa sulla privacy

Chiudi